La Festa di Sant’Agata: tre giorni unici da vivere a Catania

Tutto ciò che c'è da sapere sulla regina delle feste catanesi

18 Gennaio 2024

La festa di Sant'Agata, santa patrona della città di Catania, si celebra ogni anno dal 3 al 5 febbraio.

La devozione verso le reliquie, prima fra tutte il velo rosso di Sant'Agata, porta circa un milione di persone, tra fedeli e visitatori, ad attraversare le strade in processione per ripercorrere tappe e luoghi simbolo di Catania e della vita della santa. 

Una vacanza in questo periodo vi regala l'opportunità unica di un viaggio alle radici della tradizione e del culto, e promette un'immersione nel rito arcaico e ancora vivo di una delle più suggestive feste patronali della Sicilia.

 

Storia della festa di Sant'Agata a Catania

 

Miracoli, sacrifici e fatti straordinari sono all'origine della storia della santa patrona di Catania. La fede cristiana, il martirio e gli eventi prodigiosi che seguirono la morte le valsero infatti la santità, proclamata nel 252 d.C.

Dopo numerosi furti e traslazioni delle reliquie avvenuti nel corso dei secoli, dal 1126 le spoglie sono rientrate nella Cattedrale di Sant'Agata, l'imponente duomo cittadino.

A partire da questa data hanno avuto inizio le celebrazioni, che nel tempo hanno affiancato al cerimoniale religioso e liturgico la vera e propria festa popolare.

All'inizio i festeggiamenti duravano un solo giorno, il 4 febbraio; poi, grazie al successo e all'ampia partecipazione all'evento, si è passati a raddoppiare i giorni di festa, fino ad arrivare agli attuali 3 giorni.

 

La leggenda di Sant’Agata

 

Si narra che la bellissima giovane appartenesse ad una nobile famiglia cristiana di Catania e fosse stata chiesta in sposa dal proconsole Quinziano

Nonostante i soli 15 anni, però, Agata aveva già deciso di consacrarsi a Dio e rifiutare la proposta di Quinziano. L’uomo decise allora di rinchiuderla e torturarla. 

Ad Agata furono strappati i seni, che ricrebbero dopo una visione. Quinziano, esasperato, decise di metterla al rogo, e per tutta risposta un terremoto colpì la città. Agata fu quindi riportata in carcere, dove morì il 5 febbraio del 251 divenendo protettrice di Catania.

 

 

Festa di Sant'Agata a Catania: programma e tappe

 

Se arrivate a Catania in occasione della festa, non perdetevi l'affascinante spettacolo dei cortei in processione lungo le vie della città, la magia dei fuochi d'artificio e il folklore dei canti devozionali intonati dai fedeli.

Il 3 febbraio potrete assistere alle Candelore accompagnate dalla banda, con le quali si dà inizio alle celebrazioni. L'avvio della cerimonia ufficiale è rappresentato dalla processione della luminaria, con l'offerta della cera alla santa patrona. 

Nei giorni del 4 e 5 febbraio il fercolo di Sant'Agata lascia il Duomo per un lungo giro della città e dei suoi luoghi simbolo, al termine del quale un'esplosione di giochi pirotecnici corona i festeggiamenti.

Il 5 febbraio il fercolo viene coperto da fiori bianchi: questi simboleggiano la purezza della Santa e vanno a sostituire i fiori rossi del martirio del giorno precedente.

Per godere di questo magnifico spettacolo, la terrazza panoramica di Palace Catania | UNA Esperienze è la location ideale.

 

Cosa gustare durante Sant'Agata

 

A Catania, celebre per lo street-food, si festeggia anche e soprattutto deliziandosi con sfizi e prelibatezze.

Potete acquistarne sulle bancarelle che popolano le vie del centro, ce n'è per tutti i gusti e palati: ad esempio saporiti sandwich a base di carne e polpette di cavallo, da gustare in strada o in una delle antiche putìe e le minnuzze di Sant'Aita, piccole cassate candite dedicate a questa figura.

Come non menzionare le olivette di Sant'Agata di zucchero e marzapane e il torrone di Sant'Agata, dolce di pasta reale, canditi e frutta secca; quest'ultimo presenta una variante "gelata" che racchiude al suo interno una farcitura di gelato.

E, per chi tira tardi, da non perdere la colazione catanese tipica a base di iris, un dolce fritto di pasta brioche con un'imbottitura golosa di crema, ricotta e scaglie di cioccolato.

 

 

Le proposte del Palace Catania | UNA Esperienze

 

Il Palace Catania | UNA Esperienze sarà lieto di accogliervi per celebrare insieme la Festa di Sant'Agata. Dal 3 al 5 febbraio, all'Etnea Roof Bar & Restaurant by “UNA cucina”, al settimo piano della struttura, vi aspetta un gustoso aperitivo con due menu tra cui scegliere.

La prima proposta consiste in uno squisito tagliere terra: a salame di cinghiale, prosciutto di Parma 18 mesi e mortadella d’asina con pistacchi si affiancano specialità casearie d’eccellenza come formaggio fresco primo sale con olive e con pistacchio, formaggio ragusano DOP e formaggio di pecora stagionato, accompagnati da confetture miste. Il tutto servito con un drink a scelta.

In alternativa c’è l’Aperitivo con tagliere mare, con tartare di spigola e maionese al rafano, tartare di svampì con riduzione di fragole, caponata di pesce spada e mentuccia, ricciolo di calamaro su gazpacho siciliano e drink a scelta.

A fare da cornice alla serata anche un intrattenimento musicale a cura del sassofonista Lucio Pappalardo, che per tutti e tre i giorni di festa delizierà gli ospiti con il suo sound. Ma le sorprese non finiscono qui. In esposizione sul meraviglioso rooftop dell'hotel potrete ammirare i "I gioielli di Sant'Agata" creati per l'occasione da Isolabella: una collezione di anelli, spille, braccialetti e collane dedicate alla Santuzza in argento 925 placcato oro e smaltato a mano.  

Per tutto il weekend, infine, il Palace Catania | UNA Esperienze accoglierà alcune meravigliose opere della mostra "Buona" di Cartura con protagonista la santa patrona, realizzate al momento in un'estemporanea del maestro Alfredo Guglielmino. Nella hall e sul rooftop potrete fare il pieno di arte e cultura ammirando questi straordinari lavori creati a mano con materiali di scarto.

 

Tante altre sorprese vi attendono al Palace Catania | UNA Esperienze in occasione della Festa di Sant'Agata! Per scoprire i dettagli e riservare un posto in prima fila all'Etnea Roof Bar & Restaurant by "UNA cucina", punto ideale da cui ammirare le scenografiche celebrazioni che per tutti e tre i giorni animeranno le strade della città, contattate lo 095 250 5024 o prenotate un tavolo cliccando qui

 

La festa di Sant’Agata rappresenta una vera e propria occasione per riscoprire una città unica, il suo folklore religioso e culturale e i sapori della tradizione che non smettono di stupire. 

BACK TO ALL ARTICLES